NEWS

3 Febbraio 2019

Modena Carpi U.17

 

Campionato Regionale under 17 Masch. II^ Fase

 

Modena – Carpine 24/23 (p.t. 9/11)

 

 Modena: Meletti Hajfrej, Boni 2, Martinelli 3, Serafini 6, Soria 4, Scala 1, Vaccari 6, Cavalera, Alietti, Malagoli 2, Segapeli , Bassoli Rossi.

 

Arbitro : Sig.Ricciardi

 

 Se non ci fosse stato l’arbitro, se non ci fossero stati i genitori, senz’altro la partita si sarebbe sviluppata seguendo il copione di una normale partita di Pallamano.

Questa è la prima considerazione a freddo che scaturisce dall’analisi della partita Modena –Carpi..poi si possono fare tutte le disamine tecniche su quello che è successo in campo , ma senz’altro il fattore  preponderante è stato il contesto ambientale creato dai due fattori sopra menzionati.

I ragazzi in campo sono stati da subito “massacrati” da una serie di decisioni arbitrali che smentivano clamorosamente il regolamento tecnico e che hanno suscitato la reazione da frustrazione , non dei giocatori in campo, ma dei genitori sugli spalti facendo così decollare il tasso adrenalico e  contribuendo così ad innescare una miccia che sarebbe stato meglio non accendere in un simile contesto ambientale.

Non è mia intenzione attizzare il fuoco di alcuna polemiche, né quella di ergermi a giudice morale di un etica ignorata e vilipesa, ma vorrei semplicemente invitare tutti quanti a  una pacata riflessione affinchè questa partita rimanga in memoria come monito  per un futuro possibile.

Per un verso o per l’altro, oggi siamo usciti dal Palazzetto tutti sconfitti in egual misura, soffocati dal laccio di un ego ipertrofico, perché se è stato avvilente constatare l’incompetenza di un arbitro inadeguato lo è stato molto di più verificare i limiti di una cultura sportiva immersa nel liquido amniotico di un tifo ignorante e cialtrone.

Per un arbitro inadeguato si possono attivare strategie di formazione e recupero (ammesso che l’arbitro stesso abbia l’umiltà di riconoscere i propri errori e abbia voglia di migliorare), ma per quei genitori che continuano a confondere ruoli e competenze recitando il ruolo dei “fenomeni” , prevaricando ogni regola di buon senso e di civica educazione siamo quasi impotenti .

 

Fotogallery