La mattina dopo

Finalmente, la mattina dopo.

Finalmente è arrivato il giorno dopo la lunga interruzione, il risveglio dal grande sonno.

Dopo un lungo silenzio durato due mesi è arrivato il mattino in cui il sogno della notte accende la speranza del giorno che comincia: si ricomincia a giocare, si ritorna alla normalità.

Anche se abbiamo lasciato pezzi per strada, finalmente si riprende a correre: il paesaggio è cambiato, le abitudini anche, ma comunque siamo di nuovo in viaggio.

Questa mattina andremo a giocare la prima partita della ripartenza in terra reggiana con la squadra dell’under 15 maschile e c’è tanta paura e tanto timore nell’affrontare l’incognita ripresa…non sappiamo neppure se alla fine avremo abbastanza giocatori da scendere in campo perché è un continuo succedersi di notizie dell’ultima ora, ma così è per tutti e bisogna pure togliersi questo pericoloso cappio dal collo.

La partita è un successo per tutti, per coloro che hanno vinto e per coloro che hanno perso perché comunque è stato tracciato un sentiero fatto dalle nostre orme e guardando indietro vedi quella strada che speri di non dover ripercorrere mai più, davanti a te, invece, il cammino che traccerai con i tuoi passi.

 

 

Fotogallery